XXXIV Domenica del Tempo Ordinario – Nostro Signore Gesù Cristo Re dell’Universo – anno C

24 Novembre 2019

Dal Vangelo secondo Luca

In quel tempo, [dopo che ebbero crocifisso Gesù,] il popolo stava a vedere; i capi invece deridevano Gesù dicendo: «Ha salvato altri! Salvi se stesso, se è lui il Cristo di Dio, l’eletto».
Anche i soldati lo deridevano, gli si accostavano per porgergli dell’aceto e dicevano: «Se tu sei il re dei Giudei, salva te stesso». Sopra di lui c’era anche una scritta: «Costui è il re dei Giudei».
Uno dei malfattori appesi alla croce lo insultava: «Non sei tu il Cristo? Salva te stesso e noi!». L’altro invece lo rimproverava dicendo: «Non hai alcun timore di Dio, tu che sei condannato alla stessa pena? Noi, giustamente, perché riceviamo quello che abbiamo meritato per le nostre azioni; egli invece non ha fatto nulla di male».
E disse: «Gesù, ricordati di me quando entrerai nel tuo regno». Gli rispose: «In verità io ti dico: oggi con me sarai nel paradiso».

Lc 23,35-43

Commento

Celebriamo la solennità di Nostro Signore Gesù Cristo Re dell’universo. Nel brano del vangelo i capi deridevano Gesù in croce perché non sono riusciti a riconoscerlo nella sua vera essenza: sono convinti di essersi liberati di un uomo politicamente pericoloso. Oggi non solo si ha difficoltà a riconoscere il crocifisso ma lo si sta spogliando soprattutto della sua regalità. Essa consiste nel dono che Gesù fa di se stesso per la salvezza del mondo. Se Gesù fosse sceso dalla croce, non ci avrebbe salvato. Durante la crocifissione avviene lo scontro determinante tra il bene il male: Gesù salva l’uomo dal potere di satana. Attraverso la sua morte in croce Gesù è il Cristo, il Re. Per i cristiani questo è motivo di speranza. Gesù Re e vincitore del peccato spalanca le porte del paradiso ai peccatori pentiti. Il ladrone crocifisso accanto a lui ci aiuta a comprendere che non è mai troppo tardi per ritrovare il cuore del Padre che batte d’Amore per noi. Cristo sulla croce agisce in modo più chiaro delle parole.

Marco S.

Torna ai Frammenti di Luce

I commenti sono chiusi