XX Domenica del Tempo Ordinario – anno B

19 Agosto 2018

Dal Vangelo secondo Giovanni

In quel tempo, Gesù disse alla folla: «Io sono il pane vivo, disceso dal cielo. Se uno mangia di questo pane vivrà in eterno e il pane che io darò è la mia carne per la vita del mondo». Allora i Giudei si misero a discutere aspramente fra loro: «Come può costui darci la sua carne da mangiare?». Gesù disse loro: «In verità, in verità io vi dico: se non mangiate la carne del Figlio dell’uomo e non bevete il suo sangue, non avete in voi la vita. Chi mangia la mia carne e beve il mio sangue ha la vita eterna e io lo risusciterò nell’ultimo giorno. Perché la mia carne è vero cibo e il mio sangue vera bevanda. Chi mangia la mia carne e beve il mio sangue rimane in me e io in lui. Come il Padre, che ha la vita, ha mandato me e io vivo per il Padre, così anche colui che mangia me vivrà per me. Questo è il pane disceso dal cielo; non è come quello che mangiarono i padri e morirono. Chi mangia questo pane vivrà in eterno».

Gv 6, 51-58

Commento

Gesù si fà storia, entra nella nostra storia e ci comunica se stesso. Il vangelo di oggi ci pone dinnanzi una parola chiave “vita”; Gesù stesso è la vita e coloro che si nutrono di lui, ovvero della sua parola e della sua presenza viva e vera nel corpo eucaristico, vivono della stessa vita divina che Dio per sua bontà trasmette agli uomini. Chi vive nutrendosi di Cristo, vive una vita piena di senso, una vita vera, autentica, vivificante. Spesso noi uomini, attratti dalle cose del mondo, preferiamo nutrirci di cose vane che in realtà non appagano il nostro desiderio di pienezza di vita, ma anzi lo soffocano e lo inaridiscono. Solamente chi sceglie di mettere al centro della propria vita la relazione con Dio ha la vita eterna, relazione che deve essere fondata nella verità, nell’autenticità di vita evangelica fatta di ascolto della voce di Dio. Chi è colui che ascolta? Colui che non è un semplice uditore, ma che, come ci ricorda la lettera di Giacomo, mette in pratica la parola.

 

Domenico G.

 

Torna ai Frammenti di Luce

I commenti sono chiusi