XIV Domenica del Tempo Ordinario

9 Luglio 2017

Dal Vangelo secondo Matteo

In quel tempo Gesù disse:

«Ti rendo lode, Padre, Signore del cielo e della terra, perché hai nascosto queste cose ai sapienti e ai dotti e le hai rivelate ai piccoli. Sì, o Padre, perché così hai deciso nella tua benevolenza. Tutto è stato dato a me dal Padre mio; nessuno conosce il Figlio se non il Padre, e nessuno conosce il Padre se non il Figlio e colui al quale il Figlio vorrà rivelarlo.

Venite a me, voi tutti che siete stanchi e oppressi, e io vi darò ristoro. Prendete il mio giogo sopra di voi e imparate da me, che sono mite e umile di cuore, e troverete ristoro per la vostra vita. Il mio giogo infatti è dolce e il mio peso leggero».

Mt 11, 25-30

Commento

Gesù ancora una volta è di esempio per quanti vogliono seguirlo. Il brano inizia con una lode di Gesù a Dio Padre. Quante volte anche noi abbiamo iniziato a pregare così, ecco, il Signore prega proprio come noi. Questa lode a Dio è per una “cosa” speciale: Dio mostra il progetto di salvezza che ha pensato per gli uomini, progetto che si realizza attraverso la persona, le opere, i gesti e le parole di Gesù. Questo progetto che Dio rivela non è compreso, né accolto dai superbi, dagli orgogliosi, da coloro che pensano di sapere tutto, e nemmeno dai potenti che hanno la pretesa di “possedere” Dio. Questo progetto, invece, è accolto da coloro che si fanno “piccoli” davanti a Dio, come un bambino che ha bisogno del papà e della mamma. Gesù è accolto dalla gente semplice che sceglie di aderire al suo progetto di amore per realizzare insieme il Regno dei Cieli. Ancora una volta Gesù ci conforta nei nostri momenti difficili e di sconforto, ci invita a non avere paura, ad andare a Lui perché Egli stesso sarà il nostro riposo. Ci accorgiamo che camminare sulla strada di Gesù non è sempre facile, ma Egli ci invita a prendere il suo giogo per imparare ad essere come Lui, mite e umile di cuore, il suo giogo che è dolce e il suo peso che è leggero.

Massimo C.

Torna ai Frammenti di Luce

I commenti sono chiusi