VII Domenica tempo ordinario – anno A

23 Febbraio 2020

Dal Vangelo secondo Matteo

In quel tempo, Gesù disse ai suoi discepoli:
«Avete inteso che fu detto: “Occhio per occhio e dente per dente”. Ma io vi dico di non opporvi al malvagio; anzi, se uno ti dà uno schiaffo sulla guancia destra, tu porgigli anche l’altra, e a chi vuole portarti in tribunale e toglierti la tunica, tu lascia anche il mantello. E se uno ti costringerà ad accompagnarlo per un miglio, tu con lui fanne due. Da’ a chi ti chiede, e a chi desidera da te un prestito non voltare le spalle.
Avete inteso che fu detto: “Amerai il tuo prossimo e odierai il tuo nemico”. Ma io vi dico: amate i vostri nemici e pregate per quelli che vi perseguitano, affinché siate figli del Padre vostro che è nei cieli; egli fa sorgere il suo sole sui cattivi e sui buoni, e fa piovere sui giusti e sugli ingiusti. Infatti, se amate quelli che vi amano, quale ricompensa ne avete? Non fanno così anche i pubblicani? E se date il saluto soltanto ai vostri fratelli, che cosa fate di straordinario? Non fanno così anche i pagani? Voi, dunque, siate perfetti come è perfetto il Padre vostro celeste».

Mt 5,38-48

Commento

Se amate quelli che vi amano quale ricompensa ne avete? Siamo chiamati a fare qualcosa di straordinario, di sorprendente, di inconsueto e non possiamo limitarci a vivere una vita regolare e ordinaria. Il Vangelo è annunciare qualcosa di straordinario dove niente è prevedibile. Non reagire ad uno schiaffo o porgere l’altra guancia è l’atteggiamento di chi non corrisponde, nelle proprie azioni, alla violenza dell’altro e la violenza resta dell’altro. Se io ho amore, io do amore e il Signore ci chiama a una vita originale che ha come sorgente la relazione con Lui. L’amore per il prossimo va esteso anche a chi non ci ama, a chi ci sta antipatico e a chi è diverso da noi, cioè anche al nemico e solo chi fa così è figlio di Dio perché Dio fa così. L’amore o è gratuito o non è amore, diversamente è interesse e tutti possono amare con interesse, anche i peccatori. L’amore del nemico è rivelazione evidente dell’amore incondizionato di Dio. Nella nostra vita stiamo rispondendo agli altri o stiamo rispondendo a Dio? Rispondiamo alle mediocrità altrui o alla grandezza di Dio? Noi siamo chiamati alla libertà e all’amore a partire dalla relazione con Lui e ne deriverà la capacità di fare atti straordinari d’amore.

Vincenzo A.

Torna ai Frammenti di Luce

I commenti sono chiusi