Quarta domenica di Avvento

18 Dicembre 2016

Dal Vangelo secondo Matteo

Così fu generato Gesù Cristo: sua madre Maria, essendo promessa sposa di Giuseppe, prima che andassero a vivere insieme si trovò incinta per opera dello Spirito Santo. Giuseppe suo sposo, poiché era uomo giusto e non voleva accusarla pubblicamente, pensò di ripudiarla in segreto. Però, mentre stava considerando queste cose, ecco, gli apparve in sogno un angelo del Signore e gli disse: «Giuseppe, figlio di Davide, non temere di prendere con te Maria, tua sposa. Infatti il bambino che è generato in lei viene dallo Spirito Santo; ella darà alla luce un figlio e tu lo chiamerai Gesù: egli infatti salverà il suo popolo dai suoi peccati». Tutto questo è avvenuto perché si compisse ciò che era stato detto dal Signore per mezzo del profeta: «Ecco, la vergine concepirà e darà alla luce un figlio: a lui sarà dato il nome di Emmanuele», che significa “Dio con noi”. Quando si destò dal sonno, Giuseppe fece come gli aveva ordinato l’angelo del Signore e prese con sé la sua sposa.

Mt 1,18-24

Commento

Questo brano del Vangelo ci presenta una scena davvero impensabile per il pensiero umano: in realtà si tratta del grande disegno di Dio che vuole essere l’Emmanuele, il Dio-con-noi, il Dio in mezzo agli uomini. Ma per fare ciò, il piano divino necessita di incontrarsi con la volontà umana e chiede la disponibilità agli uomini. Dinanzi alla situazione di Maria, incinta per opera dello Spirito Santo, Giuseppe, uomo giusto, non salta subito a delle conclusioni affrettate, ma vuole capire e si mette in ascolto di Dio. Preso dalla paura, un angelo del Signore interviene dicendogli che Dio ha bisogno proprio di lui e lo consola con quel “Non temere”. Il giusto Giuseppe resta in silenzio, ascolta queste parole e obbedisce, realizzando così la volontà di Dio. Anche nelle nostre vite a volte accade l’inedito, ciò che non avevamo previsto, che può apparire un enigma; ma è proprio quella l’ora di metterci vigilanti in ascolto, come Giuseppe, e divenire collaboratori di Dio. Non temiamo: Dio è con noi!

Emanuel M.

Torna ai Frammenti di Luce

I commenti sono chiusi