Intitolazione Sala lignea Biblioteca Comunale di Palermo a mons. Baldassare Palazzotto

Giovedì 19 aprile alle ore 18:00 alla presenza di S.E. mons. Corrado Lorefice, Arcivescovo di Palermo, di Leoluca Orlando, Sindaco di Palermo, e di Fabrizio Micari, Rettore dell’Università degli Studi di Palermo, si svolgerà la cerimonia di intitolazione della prima sala lignea antica della Biblioteca Comunale di Palermo al bibliotecario e ornitologo palermitano mons. Baldassare Palazzotto (1777-1858).

Mons. Baldassare Palazzotto, nato a Palermo nel 1777, era figlio del capomaestro della Regia Corte Salvatore Palazzotto (1751-1825), discendente da un ramo collaterale agli architetti Palazzotto attivi a Catania tra la fine del ‘600 e i primi anni del ‘700, era fratello del celebre Emmanuele (1798-1872), uno dei principali architetti del neogotico in Italia, autore a Palermo, tra le altre cose, del gruppo di campanili della Cattedrale di Palermo (1826-1835), del prospetto di palazzo Lucchesi Palli di Campofranco (1835-36), del Palazzo delle Reali Finanze (1840-44) e del palazzo Forcella (1842 ca.).

Baldassare Palazzotto, canonico decano della Cattedrale di Palermo e canonico Abate di San Giovanni degli Eremiti, è stato uno dei primi bibliotecari della Biblioteca Senatoria di Palermo dove lavorò dal 1810 al 1858, anno in cui morì.

Dal 1833 al 1858 per ben 25 anni fu il Bibliotecario capo e a lui si deve il primo inventario dei manoscritti.

L’intellettuale erudito fu anche Rettore del Seminario Arcivescovile di Palermo dal 1841 al 1849, periodo durante il quale fu anche eletto Pari spirituale del Parlamento siciliano nel 1848.

A 160 anni esatti dalla morte, per Palermo Capitale della Cultura 2018, la città restituisce la memoria di un suo illustre concittadino con l’intitolazione di una delle sale storiche della Biblioteca Comunale, pilastro di una cultura identitaria locale ma naturalmente aperta e permeabile, per la quale mons. Baldassare Palazzotto dedicò quasi 50 anni della sua esistenza.

Ecco il manifesto dell’evento:

 

I commenti sono chiusi