Quinta Domenica di Pasqua

14 Maggio 2017

Dal Vangelo secondo Giovanni

 In quel tempo, Gesù disse ai suoi discepoli: «Non sia turbato il vostro cuore. Abbiate fede in Dio e abbiate fede anche in me. Nella casa del Padre mio vi sono molte dimore. Se no, vi avrei mai detto: “Vado a prepararvi un posto”? Quando sarò andato e vi avrò preparato un posto, verrò di nuovo e vi prenderò con me, perché dove sono io siate anche voi. E del luogo dove io vado, conoscete la via».
Gli disse Tommaso: «Signore, non sappiamo dove vai; come possiamo conoscere la via?». Gli disse Gesù: «Io sono la via, la verità e la vita. Nessuno viene al Padre se non per mezzo di me. Se avete conosciuto me, conoscerete anche il Padre mio: fin da ora lo conoscete e lo avete veduto».
Gli disse Filippo: «Signore, mostraci il Padre e ci basta». Gli rispose Gesù: «Da tanto tempo sono con voi e tu non mi hai conosciuto, Filippo? Chi ha visto me, ha visto il Padre. Come puoi tu dire: “Mostraci il Padre”? Non credi che io sono nel Padre e il Padre è in me? Le parole che io vi dico, non le dico da me stesso; ma il Padre, che rimane in me, compie le sue opere.
Credete a me: io sono nel Padre e il Padre è in me. Se non altro, credetelo per le opere stesse.
In verità, in verità io vi dico: chi crede in me, anch’egli compirà le opere che io compio e ne compirà di più grandi di queste, perché io vado al Padre».

Gv 14,1-12

Commento

L’antifona d’ingresso della liturgia di oggi recita così: “Cantate al Signore un canto nuovo, perché ha compiuto prodigi; a tutti i popoli ha rivelato la salvezza. Alleluia.” Subito viene da chiederti quale siano questi grandi prodigi per i quali vale la pena di prorompere in canti di gioia, e in che cosa consista questa famigerata salvezza che ti viene proposta oggi. Il brano evangelico ti offre una chiave di comprensione: tu cerchi un posto, il tuo posto nel mondo e anzi spesso ti senti fuori posto. Gesù ti offre la salvezza ossia abitare in una relazione d’amore, la relazione tra Lui e il Padre, una relazione fondante, eterna che sarà la matrice di tutte le tue relazioni. Tu cerchi la salvezza: vuoi essere amato, in eterno senza condizioni. Gesù si presenta a te come colui che ti dà pienezza: Via, Verità e Vita. Nessuna delle relazioni con il mondo sazierà mai la tua sete, solo il rapporto con Lui darà al tuo cuore il senso che tanto cerchi. Anzi dice il Vangelo se credi in Lui sarai in grado di fare opere più grandi delle sue illuminando di senso la vita dei tuoi fratelli.

A.D. Orlando

Torna ai Frammenti di Luce

I commenti sono chiusi